Home Benessere Giornata Mondiale della Fibromialgia

Giornata Mondiale della Fibromialgia

by Avessence srl
0 comment

Si celebra il 12 maggio la giornata mondiale della Fibromialgia, una sindrome complessa che riguarda tutto il corpo e che colpisce dal 2% al 4% della popolazione. Sono circa 2 milioni gli italiani colpiti, in prevalenza donne tra i 25 e i 55 anni.

La fibromialgia riguarda la persona nel suo complesso e inevitabilmente chi le sta vicino. Si tratta di una ipersensibilizzazione del sistema centrale e si può manifestare su una base genetica scatenata da eventi traumatici, per lo più di ordine psicologico o di incapacità di adattamento a condizioni di stress continue.

La diagnosi spesso si basa su sintomi caratteristici, specifici criteri e sull’esclusione di altre ipotesi diagnostiche. Il decorso della fibromialgia è spesso imprevedibile e il dolore cronico, nonché la qualità di vita differente può persistere e peggiorare nel tempo.

Poiché i sintomi del dolore si riferiscono ai muscoli, ai legamenti e ai tendini, non vi è alcune evidenza di infiammazione dei tessuti che possa giustificare la sintomatologia. Non provoca deformità delle articolazioni come invece si può riscontrare in altre malattie articolari quali artrosi o artrite. Una persona affetta da fibromialgia trascorre in media più di 2 anni prima della diagnosi, dopo aver effettuato visite specialistiche e diversi esami.

Per fare in modo che ci sia più chiarezza su questa sindrome, è necessario diffondere più notizie e continuare a studiarla, fare formazione ai medici di famiglia che sono i primi che vedono i pazienti e che li indirizzano poi dallo specialista di riferimento.

Ecco che ogni anno, il 12 maggio, si ricorda alle istituzioni che tutti i malati affetti da questa patologia stanno aspettando l’inserimento nei LEA per avere un percorso terapeutico multidisciplinare che li aiuti a combattere il dolore cronico, in attesa di scoprire le cure.

La data del 12 maggio venne scelta in ricordo dell’infermiera Florance Nightingale, nata appunto il 12 maggio 1820 a Firenze e affetta presumibilmente da fibromialgia.

Esistono trattamenti naturali e alternativi per la fibromialgia?

Esiste NutryCell, un Integratore naturale che ha riscontrato effetti positivi in moltissimi casi. Tante donne hanno raccontato le proprie testimonianze e ora stanno meglio: http://bit.ly/CaseHistoryFibromialgia

Per una consulenza GRATUITA con uno dei nostri esperti su come Nutrycell ti può aiutare in caso di FIBROMIALGIA, inviaci un’e-mail a info@avessence.com o contattaci sulla nostra pagina Facebook: http://facebook.com/Avessence.

You may also like

Leave a Comment